Valore Oro

La quotazione oro e le elezioni negli Stati Uniti

1 novembre 2012 in Oro

La quotazione dell’oro ha chiuso la sessione di martedì in leggero rialzo a 1711,40 dollari l’oncia.

Wall Street è rimasta chiusa per il secondo giorno consecutivo a causa delle condizioni meteorologiche avverse. L’uragano Sandy ha causato circa 20 miliardi di dollari di danni e ha lasciato quasi 4 milioni di persone senza corrente elettrica. Circa il 15% degli elettori registrati ha già votato, portando Romney in vantaggio con il 52% contro il 45% di Obama.

“Una vittoria di Romney è percepita dagli investitori come un rischio al ribasso per l’oro”, ha detto Joni Teves di UBS, che aggiunge: “Nessuno vuole decidersi fino ai risultati delle elezioni”. Se Romney avesse successo nella riduzione del deficit, ciò potrebbe condurre ad un rafforzamento del dollaro e un indebolimento del prezzo dell’oro.

Secondo quanto segnalato da James Steel di HSBC, gli aumenti più drammatici del prezzo dell’oro sia nel 1980 che nel 2011 si sono verificati con due democratici alla Casa Bianca, rispettivamente Jimmy Carter e Barack Obama.

Aggiungi un commento