Valore Oro

Thomson Reuters GFMS: oro avrà tendenza al rialzo nel 2013

17 gennaio 2013 in Oro

Le continue preoccupazioni sulla salute dell’economia degli Stati Uniti e le pressioni sul dollaro spingeranno i prezzi dell’oro a medie record nel 2013, ha detto mercoledì la Thomson Reuters GFMS.

Gli investimenti in oro a causa dei tassi d’interesse reali negativi e le preoccupazioni sul debito faranno salire i prezzi nei primi sei mesi del 2013, compensando una caduta nella richiesta di gioielli e un aumento di forniture in miniere e riciclo.

La GFMS ha previsto che i prezzi dell’oro avranno una media di 1775 dollari l’oncia nel primo semestre del 213, un rialzo nei confronti della media di 1685 del secondo semestre del 2012 e molto più alto della media semestrale record di 1693 dollari registrata negli ultimi mesi del 2011.

La stessa azienda ha stimato che l’oro avrà una media di 1847 dollari l’oncia in tutto il 2013, nonostante pronostici mensili suggeriscono che raggiungerebbe un tetto massimo negli ultimi mesi. I prezzi resterebbero molto alti nel primo semestre del 2014.

L’azienda prevede nei prossimi mesi un rialzo fino a 152 tonnellate nell’investimento netto implicito, che copre attività in fondi quotati sul mercato, futures e operazioni al di fuori delle borse, nei confronti delle 59 tonnellate della prima metà dello scorso anno.

“I risultati del cambio dollaro/euro hanno smesso di sfavorire l’euro. Non vediamo molte opportunità per una rivalutazione del dollaro nel 2013”, ha detto il responsabile delle ricerche della GFMS, Philip Klapwijk.
“Prevediamo anche che la Fed continuerà i suoi programmi di acquisto di titoli, che non smetteranno nel corso del 2013”, ha detto, aggiungendo: “Crediamo inoltre che le performance economiche degli Stati Uniti sarà deludente quest’anno”.

Aggiungi un commento